Navigation Menu+

IMF TLS 80IIa – diffusori in linea di trasmissione

Scritto di 7 Febbraio 2014 da

IMF TLS 80IIa – diffusori in linea di trasmissione

Lo sapevo che prima o poi ci sarei cascato: di aggiungere una nuova sezione al mio blog, quella relativa all’HI-FI. Mi piace l’HI-FI come ad altri il calcio e come alle donne fare a maglia e il decoupage. Non che un uomo non possa fare a maglia o una donna non possa seguire il calcio, ma nella norma se andate ad un incontro di amanti dell’HI-FI non ci trovate mai una donna, mai! E pensare che molte femmine hanno le orecchie ancora più fine dei maschietti. Comuque, mi sono venduto, nella mia smania di cambiamento, i miei IMF TLS 80IIa, spaventosi nel nome ancora di più nell’aspetto. Non sono un pezzo di design … a me comunque piacciono tantissimo anche a livello estetico. Veniamo al dunque: si tratta si una coppia di mostri che sembrano e occupano lo spazio di un paio di frigoriferi, non sono il pezzo definitivo dell’HI-FI, ma comunque sono un gran bel pezzo. Classe inglese, anno di nascita 1980: anziani si, vintage! Solo per estimatori, ma di malati come me in giro ce ne sono.

Dati di targa (parlano inglese):

Dimensions 39 ¾” x 16 ¾” x 19 ¾” wide 101 cm x 43cm x 50cm
Overall height on stand : allow 46″ (117 cm)
Drive Units 11 ¾” x 8 1/4″ 30 cm x 21 cm flat polystyrene bass unit loaded by transmission line
6″ 15 cm plastic cone midrange in separate line
1 ¾” 4.5 cm diaphragm high gauss tweeter
¾” 2 cm chemical dome super-tweeter
Crossover Electrical four way at 350 Hz, 3 kHz and 13 kHz
Frequency Range 20 Hz to beyond audibility

Matching Impedance 4-8 ohms See Graph
Efficiency Measured via Pink 96-98 dB dependant on Control settings Noise at 1 metre for 40 watts
Driving Power Requirements 50-150 watts
Nett Weight (each) 46 kilos
Gross Weight packed (each) 56 kilos
Nett Weight of Stands (each) 8 kilos

Cos’hanno di speciale? Beh intanto che mi si sono affezionato e lasciarli andare è stato davvero un peccato, ma probabilmente non li ho capiti subito, occupano un sacco di spazio e quando mi hanno offerto la cifra che volevo li ho mollati. Poi ovvio è iniziato il pentimento.
La loro caratteristica peculiare è di essere un progetto in linea di trasmissione. La linea di trasmissione è un tipo di progetto per far suonare le casse acustiche in basso: cioè nella zona bassa dello spettro udibile dall’essere umano. Alla nascita un bambino sente dai 20 HZ ai 20000 HZ poi man mano che si va avanti con gli anni l’udito perde e si scende  di qualche migliaia di HZ. Tutto normale, e d’altronde in alto da 16000 a 20000 HZ sono 4 note (circa) della scala diatonica, e non 4 note. Poca roba. Il suono ha un andamento logaritmico, più si sale più HZ ci vogliono per fare una nota e quindi più si scende meno ce ne voglino. Le normali casse acustiche vanno dai 40 ai 60 HZ in su a +- 3db. Questo indica che a -3 db di sensibilità rispetto a tutto il resto che viene riprodotto con un diffusore normale sentite fino a 50 HZ. Ma in realtà a volume corretto la gran parte del messaggio arriva fino a 80/90 HZ  . Insomma in un normale ascolto musicale casalingo la maggior parte delle persone si perdono un sacco di musica, arrivando fino a 20 HZ il messaggio sonoro è davvero molto più ricco articolato e plausibile. Attorno ai 20 HZ poi l’orecchio nemmeno ci sente, ma vi assicuro che vi friggono le budella, e la senzazione d’ascolto diventa davvero, in tutti i sensi viscerale!

La linea di trasmissione (non so perchè) è una tipologia di progetto che è stata iniziata da Cambridge Audio (che ha realizzato 1 solo progetto: Cambridge Audio R50), e poi è stata portata avanti da IMF che si è trasformata in TDL (entrambe ditte che non esistono più).

Insomma delle casse con un messaggio sonoro davvero completo e grande musicalità che il mio ampli autocostruito in classe AB da 100watt per due canali e basato su LM4702 + sap15 comandava a dovere.

Ancora più questi sono i diffusori del primo impianto di Bebo Moroni (uno dei più grandi giornalisti di HI-FI italiani e direttore della rivista online di videohifi.com), e se uno che ha ascoltato migliaia di diffusori e impianti ha scelto questi diffusori per casa sua… insomma.

  • La mia mini recensione, lati positivi:
  • riproduzione sulla gamma di frequenza
  • basso
  • musicalità
  • suono GRAAANDE, relistico e coinvolgente
  • aspetto (se piace 😉 )

lati negativi:

  • dimensioni e ingombro
  • alti leggermente arretrati e un pelo opachi (forse avrei dovuto rinfrescare la compoinentistica ai crossover, ma questa è un’altra storia)
  • palcoscenico e localizzazione degli strumenti, un po’ scarsina

Ancora un po’ di informazioni.

These speakers are fitted with he later IMF 128/80 bass drivers and not the earlier Kef units, as was suggested in your update that the Kef units were the later units. IMF ventured from Kef units to their own Elac manufactued drive units. I will say though, that these speakers are most unusual and very rare as they are fitted with the full complement of Elac drivers as opposed to Elac bass / mid drivers and Celestion top end before TLS-80 MkII production wrapped up. This indicates that they would be one of only a handful of the very last TLS 80’s made before IMF superseded them with the newer “Professional Monitor” which used the same new line-up of drivers. Also, IMF founder John Wright had left the company by then. You’ve most certainly unearthed a rarity there, and you may want to add this info to your listing.

More info….I have now found some more paperwork relating to these speakers, throwing some more light onto their probable history. I have a letter from IMF thanking the owner for contacting them regarding an upgrade, and confirming that an upgraded model is now being marketed, and that upgrade kits are now available. I now believe that the speakers were upgraded sometime in early 1981, with new drivers and crossovers, bringing them up to the then current spec. of TLS 80 MkIIa.

According to the labels on the rear, these are designated as TLS 80 MkIIa’s, which make them either upgraded TLS 80’s or the later versions.

Insomma diffusori davvero ingombranti e antiestetici per i più, ma ancora attuali e molto ben suonanti, davvero decisamente migliori di tanti diffusori moderni.

 

12382 Visualizzazioni totali 10 Visualizzazioni odierne

15 Comments

  1. FEDE, sei il numero uno!

  2. Davvero degli ottimi diffusori.. Io posseggo due TDL Studio 3 anch’esse usano il carico a linea di trasmissione, la gamma bassi è a dir poco emozionante e si riscontra a parer mio in solo questo tipo di carico.. Non avverto il problema della ricostruzione della scena sonora… Può essere dovuto a uno scorretto posizionamento dei diffusori nell’ambiente. I diffusori sono posizionati come nella foto?

    Il mio è solo un consiglio non voglio giudicare, sopratutto perchè sono solo un ragazzo di 16 anni apassionato all’alta fedeltà. Spero di esserti stato utile. Ciao 🙂

    • Mirko beato te che a 16 anni hai le TDL Studio 3, i tuoi sono diffusori in configurazione d’appolito per cui certo per te la ricostruzione scenica è ben più semplice 😉

  3. Federico,
    condivido pienamente.
    Sono in possesso degli IMF TLS 80 versione con Woofer piatto (B139): GRANDI diffusori sia per la qualità del suono restituito (un basso UNICO) che per realizzazione costruttiva.
    Del resto la tecnologia a labirinto è un’emozione in tutti i sensi.
    Ho anche delle IMF ALS 40 e devo dire che, pur essendo le sorelle minori, non temono confronti, con le colleghe attuali dello stesso range, ma di costo ben più elevato. Sono esemplari del 1970: dovresti vedere i particolari fatti con mano artigianale!
    Purtroppo le IMF sono oramai impossibili da reperire, altrimenti ne acquisteri volentieri un’altra coppia, qualunque modello esse siano.
    Ciao

  4. Ciao,
    Sono in procinto di acquistare una coppia di IMF TLS80 MKII ma un dubbio mi assale: come faccio a capire che versione sono? Hanno il woofer a cono piatto e non come il tuo (vedi foto che hai postato) con il cono normale. Eppure il venditore mi assicura che le sue (cono piatto) sono le mkII! Puoi darmi dei suggerimenti/consigli? Grazie. Daniele

    • Ciao, le MKII hanno il woofer piatto! Quelle che avevo io erano una versione davvero poco ortodossa. Comunque per scoprire la versione devi guarare la targhetta presente vicino ai connettori! Se hai un amplificatore come si deve suonano davvero bene. Io sono passato alle trombe e non credo che ci sia modo per me di tornare indietro.

      • Grazie per la risposta…sei passato alle trombe ma ti sei pentito? Almeno da quello che dici…

        • Beh no, direi anzi che ho trovato proprio i miei diffusori, con l’alta efficenza il dettaglio è strepitoso e la risposta sui transienti eccellente: la musica è veloce, emozionate e cristallina.

  5. Ciao Federico….in rete ci sono molti articoli sulle TLS 80…ma non riesco a trovare i dettagli esatti x realizzare il mobile!
    Mi riferisco a quote esatte….ho trovato quasi tutto ma manca sezione delle bocche di uscita!
    Puoi aiutarmi?
    Conosci le Cambridge 50 sempre in tl??
    Sembra un signor diffusore!!!
    Grazie marco

    • Ciao, riguardo alle IMF TLS 80 non so aiutarti. Le cambridge 50 sulla carta sono quasi lo stesso diffusore cambiano i tweeter, il mobile e certo il crossover. Di questi sono abbastanza convinto che sia stato pubblicato un articolo per la costruzione DIY. Purtroppo non li ho mai sentiti. Se termini il progetto delle IMF TLS 80 fammi sapere, sono molto affezionato a questi diffusori, tanto da aver chiesto all’acquirente se me li rivendeva, ma non c’è stato verso. Ora uso felicemente dei diffusori con medio/alti a tromba e sono piuttosto felice 🙂 .

  6. Ciao,
    ho le stesse casse ma senza tweeter.
    Sapresti dirmi la marca e il modello del tweeter?

    • Ciao i tweeter sono i CELESTION HF1300 mentre i supertweeter sono i CELESTION HF2000 all’epoca molti diffusori di pregio adottavano questi due altoparlanti per la sezione alta es B&W DM4 oppure spendor sp1. Un saluto

  7. Chiedo aiuto per reperire i seguenti altoparlanti montati sulle
    IMF TLS 50 II perchè non funzionanti:

    n° 1 Woofer Elac 8″
    n° 2 mid mid Elac (sono descritti così..)
    n° 1 Tweeter Audax 12×8

  8. Grazie Federico per le tue preziose notizie su questo diffusore
    Io ho l’ultimissima vesione fatta con altoparlanti marchiati IMF
    Ti chiedo se nella foto le casse sono invertite dx con sx
    I miei woofer sono all’esterno
    Magari li hai invertiti per avere una scena più larga?
    Grazie
    Mauro

    • Ciao, se non erro i diffusori hanno scritto diffusore di destra e diffusore di sinistra. E’passato molto tempo che le ho vendute per cui non ricordo assolutamente.

Qualcosa da dire

Ho scritto delle idiozie? Ho commesso un errore di ortografia? Ti ho offeso, o ho pubblicato qualcosa che non vorresti? Hai qualcosa da aggiungere?
Scrivimi :)

*